Home » Scopri il Salento » Ciceri e Trìa, Massa di S. Giuseppe o Massa e ciceri: piatto simbolo del Salento

Ciceri e Trìa, Massa di S. Giuseppe o Massa e ciceri: piatto simbolo del Salento

da | Ott 27, 2017 | Scopri il Salento | 0 commenti

Massa e ciceri, Massa di San Giuseppe, Ciceri e Trìa, sono diversi nomi per indicare questo piatto rappresentativo della cucina tradizionale del Salento.
Avevamo già trattato questa antica ricetta, reinterpretata da Ivan Tronci, circa un mese fa (Ciceri e Trìa rivisitata: la cucina salentina di Ivan Tronci).
Ora è venuto il momento di raccontarvi e parlarvi della ricetta tradizionale, senza varianti sul tema.
Cercheremo di farvi fare un viaggio nel passato, in un passato contadino, quando nella terra del Salento, i nipoti ammiravano le nonne mentre preparavano la Massa di San Giuseppe.
Prendete virtualmente le vostre valigie e seguiteci!

  • facebook
  • twitter
  • googleplus
  • pinterest

Gli ingredienti della Ciceri e Trìa: cosa è

La ciceri e trìa è un piatto antico, tradizionale del Salento fatto di ceci e pasta fatta in casa a mo’ di tagliatella. Assieme ai due ingredienti principali, bisogna impreziosire l’aroma del piatto con gli ortaggi e gli “odori” della nostra terra, come:

  • spicchi d’aglio (senza esagerare se preparate qualcosa per qualcuno che amate);
  • sedano;
  • prezzemolo;
  • aglio;
  • cipolla;
  • alloro;
  • pepe nero da macinare al momento;
  • pomodori a pendola, senza semi e pelati della buccia.

Pur essendo questo un piatto semplice, povero, l’esecuzione della ricetta richiede grande attenzione.
Basta seguire i giusti consigli e fare tutto in modo impeccabile per servire questa bontà sulle tavole delle vostre case.

Ciceri e Trìa: come si prepara

Si comincia il giorno prima con la preparazione, mettendo i ceci a bagno in un pentolone.
Al giorno successivo, scolare i ceci, risciacquarli e metterli a cuocere in una pentola.
Sarebbe ancora più tradizionale, cuocere queste primizie di madre natura, direttamente in una pignata di terracotta, magari davanti ad un camino domestico acceso e rovente (lu focarile).
Arrivati a metà cottura eliminare una giusta quantità d’acqua e si aggiungono gli ortaggi e gli odori
che vi abbiamo indicato tra gli ingredienti.
In una padella a parte, versateci dell’Olio Evo del Salento e buttateci dentro un paio di spicchi d’aglio per farli dorare; una volta che saranno imbionditi, eliminateli e fate spazio in padella per le strisce di pasta fatta in casa che avete fatto precedentemente.
Quando questi pezzetti di pasta fatta in casa diventeranno di colore dorato, potete spegnere la padella.
In una pentola versate dell’acqua abbondantemente salata e versate il resto della pasta fatta in casa. Quando essa raggiunge il bollore, scolate, non del tutto, la pasta che deve essere preferibilmente al dente.
Aggiungete alla pasta, rimasta in pentola, i ceci con tutto il brodo di cottura, portate in ebollizione il tutto.
La magia avviene adesso, quando aggiungerete un po’ di pasta fritta in pentola e ne terrete da parte una piccola quantità per guarnire i vostri piatti.
Impiattate e spolverate con un pizzico di pepe nero macinato al momento.
Buon appetito con questa tipica ricetta del Salento!

Our Reader Score
[Total: 0 Average: 0]

Pin It on Pinterest

Share This