Home » Località » Porto Cesareo » Le colonne greco-romane di marmo cipollino di Porto Cesareo

Le colonne greco-romane di marmo cipollino di Porto Cesareo

Siamo in prossimità di Torre Chianca, luogo incantevole appartenente al feudo di Porto Cesareo e qui, a un’ottantina di metri dalla costa e a circa 5 metri di profondità, si trovano le 5 colonne monolitiche greco-romane, risalenti al II secolo d.C., provenienti dal Mar Egeo, direttamente dall’isola greca Eubea.
Siamo in un sito archeologico molto importante, nell’area C dell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo: potrete ammirarle facendo snorkelling oppure direttamente dalla vostra barca, con il mare calmo.

Il carico dell’imbarcazione greco-romana era costituito da diverse tipologie di manufatti e da cinque maestose colonne di marmo cipollino.
Maestose perché sono lunghe 9 metri e hanno un diametro compreso tra 70- 100 cm di diametro. Le colonne provengono dalle cave di Karystos, all’estremità meridionale dell’isola di Eubea.
Dal loro stato, oggi sono ricoperte da spugne e organismi marini, si può dedurre che la lavorazione di ogni singolo elemento è allo stato grezzo perché, forse, l’ultimazione della lavorazione era prevista direttamente sul luogo di consegna.
La bellezza del relitto, rinvenuto tra il 1960 e il 1970, si può solamente intuire: pochi i resti visibili anche se particolarmente significativi.
Nella zona del ritrovamento, sono state inoltre recuperate delle anfore che si possono ammirare nel Museo Nazionale Archeologico di Taranto.

Pin It on Pinterest

Share This