Home » Food » Street-food contadino: l’aperitivo autunnale del Salento di Ivan Tronci

Street-food contadino: l’aperitivo autunnale del Salento di Ivan Tronci

da | Ott 17, 2017 | Food, Ivan Tronci | 0 commenti

Siamo alle solite. Il nostro chef giramondo Ivan Tronci è alle prese con una nuova sfida: lo street-food del contadino salentino per salutare l’autunno, da poco arrivato qui in Salento.
Che sarà mai questa nuova tipologia di street-food?
Un piatto veloce, un aperitivo con i sapori della terra del Salento e un pizzico di modernità. Infatti, il tocco innovativo è dato dall’Aperol, mentre il forte richiamo al lavoro nei campi è dato dalla zucca e dallo zafferano del Salento.
Vi abbiamo dato due informazioni basilari su questa nobilissima spezia e, cogliamo questa ghiotta occasione (è il caso di dirlo), per invitarvi alla nostra Esperienza “Diventa contadino per un giorno”. Solo voi, amici di Foodismo, registrandovi gratuitamente sul nostro sito, potrete raccogliere questi fiori bellissimi dal colore violaceo, in agro di Trepuzzi, a due passi da Lecce.

  • facebook
  • twitter
  • googleplus
  • pinterest

Perché pensare ad uno street-food per contadini? Vediamo cosa bolle in pentola

Ci risulta difficile pensare allo street-food contadino perché, quando utilizziamo quell’accoppiata di parole in inglese, la prima cosa che ci viene in mente è qualcosa di veramente buono e al tempo stesso poco genuino per le nostre arterie.
In realtà, la ricetta che lo chef giramondo Ivan Tronci vi propone, è salutare, utilizza ingredienti facilmente reperibili nella nostra terra e nelle nostre campagne, da qui il nome “street-food contadino”.

Prima di elencarvi gli ingredienti, introduciamo un ricordo intimo del nostro Ivan Tronci

Il titolo di questo post inquadra il contesto in cui questa ricetta è stata creata.
Vi parliamo del countryside salentino, un universo fatto di muretti a secco e ulivi secolari, tra Otranto e la strada che collega la capitale del turismo balneare del Salento, con Maglie.
Ivan Tronci, da bambino, era solito fare lunghe passeggiate con il nonno, il quale, sostava all’ombra di questi mastodontici alberi, seduto su di un masso. Durante la sosta, spiegava al nipote come riconoscere se una zucca è giunta a maturazione oppure no.
Sarà forse stata questa spiegazione che ha ispirato, a distanza di quindici anni, il nostro Ivan Tronci, nella preparazione di questo piatto.

Il Salento abbraccia l’autunno con un piatto straordinario

Questa ricetta racchiude l’autunno per colori e sapori, i funghi richiamano la vita all’aria aperta, la zucca (non abbiamo preso spunto da quel famoso commercial di un noto istituto bancario) ricorda la positività con il suo colore arancio che è veramente rassicurante, lo zafferano con i suoi profumi e aromi richiama fortemente la natura.

Gli ingredienti di questo piatto straordinario

Il piatto è un ensemble di materie prime salutari e genuine.
Ecco qui, per voi, la lista:

  • una zucca di piccole dimensioni
  • Funghi cantarelli
  • Zafferano del Salento
  • Cipollotto (alias spunzale)
  • Olio EVO
  • Sale Maldon
  • Pepe di Sichuan
  • Formaggio caprino
  • Salvia
  • Panna fresca
  • una spolverata di Friscous
  • una spruzzatina di Aperol

Vediamo nello specifico come assemblare questi preziosi ingredienti.

La preparazione di questo aperitivo salutare: mai stata così semplice ed immediata

Private la piccola zucca dai semini e dalla polpa interna che verranno impiegate per altre ricette o per altre portate del menu. Utilizzerete soltanto l’involucro, la struttura esterna della zucca che sarà di grande utilità per l’impiego dei funghi cantarelli e dello zafferano del Salento.
Dovete tritare il cipollotto (lo “spunzale”) e metterlo a soffriggere delicatamente con olio evo. Attendete giusto un minuto e poi aggiungete i funghi cantarelli, precedentemente mondati e tagliati a metà; incorporate lo zafferano in stimmi, assieme ad un pizzico di sale e pepe di Sichuan.
Lasciate cuocere il preparato per pochissimi minuti che sarà poi servito all’interno dell’involucro di zucca.
In una ciotolina, iniziate ad incorporare il formaggio di capra con un goccio di panna fresca, un pizzico di sale Maldon e, utilizzando rapidamente un comune frustino da cucina, otterrete un composto cremoso.
Date una spolveratina di Friscous e guarnite il tutto con foglioline di salvia fritte e perle di Aperol.
Buon appetito!

Pin It on Pinterest

Share This