Home » Food » Radici: tour esperienziale del Salento in 5 portate

Radici: tour esperienziale del Salento in 5 portate

da | Dic 29, 2017 | Food, Lecce | 0 commenti

Festeggiamo il nostro primo compleanno, con il secondo evento ufficiale, il 29 dicembre presso Tenuta Monacelli.
Abbiamo scelto questa location perché rappresenta e incarna il nostro modo di fare turismo, un turismo slow per chi apprezza e rispetta la natura, il territorio, la campagna salentina e i mastodontici alberi d’ulivo circondati dai muretti a secco.
Per noi questo è stato un anno magico: abbiamo conosciuto nuovi amici Foodisti e raccontato le loro storie senza filtri, al naturale, senza olio di palma, come suggerisce il nostro claim.

  • facebook
  • twitter
  • googleplus
  • pinterest

Il premio di Foodismo: un gesto di riconoscenza nei confronti di chi opera per la promozione del territorio

Abbiamo concepito questo evento per chi ci segue e sposa la nostra filosofia: lavorare per promuovere il territorio salentino, sostenere i piccoli produttori e, per l’occasione, aiutare chi soffre e chi non ha voce per gridare aiuto.
I poveri e gli emarginati della comunità Don Giustino Onlus di Don Antonio Coluccia e i sofferenti e i piccoli amici di Don Gianni Mattia che, con l’umanizzazione delle cure negli ospedali, rende il soggiorno di questi piccoli ospiti decisamente più confortevole.

Radici: questo è il leit motiv della serata

Le radici rappresentano il nostro Dna, c’è poco da fare. Chi è nato in Salento è ancorato saldamente alla propria terra d’origine. Questa è la storia di chi si allontana da casa per lungo tempo, sognando però di ritornare tra le mura domestiche. Con un lungo viaggio: fisico, mentale, emotivo.
Questa è la nostra storia e sappiamo bene che il forte legame con la terra vince sempre su tutto.
Per questo motivo, abbiamo pensato di raccontarvi, attraverso un tour di 5 portate, cosa rappresenta per noi il viaggio in Salento: i sapori della terra, il profumo dei mari (Adriatico e Ionio), il gusto dei ricordi, la vita contadina, la gioia della semplicità.

L’importanza del lavoro di squadra: Ivan Tronci, chef giramondo, interpreta il tour del Salento attraverso i sapori del territorio

Il viaggio in Salento che state per compiere è opera delle sapienti mani del nostro chef ambassador, Ivan Tronci e della sua giovanissima brigata.
Lo chef ha reinterpretato i sapori e i saperi di un territorio, raccontandolo con immediatezza, attraverso sfumature di gusto incredibilmente uniche.
Un finger-food e un calice di bolle vi daranno il benvenuto e il resto sarà un continuo crescendo, per intensità di sapori e bontà dei piatti.
Si spazierà dai sapori dei mari alla bontà dell’entroterra e si chiuderà la cena col dolce dei ricordi.

Wine pairing: il Negroamaro in tutte le sue sfumature

Ogni tour enogastronomico che si rispetti è frutto di una vincente accoppiata cibo-vino.
Per l’occasione, vi raccontiamo il territorio attraverso tutte le possibili sfumature di Negroamaro del Salento: in bolle, in bianco, in rosato e in rosso. Abiti differenti per un unico vitigno.
I vini “Duca Carlo Guarini – Azienda Agraria Biologica” accompagneranno per mano, durante questo viaggio alla scoperta del Salento, tutti i nostri commensali.

Ringraziamenti

Ringraziamo l’azienda Duca Carlo Guarini per il Piccole Bolle, Tenuta Castellana per il suo olio extravergine, Zafferano del Salento per lo zafferano biologico e, last but not least, Azienda Apistica Saverio Alemanno per il miele di melograno in purezza.
Lo studio degli abbinamenti è opera di Simposio Divino Salento, nella persona di Graziano Caggiano, degustatore Ais.

Pin It on Pinterest

Share This