Gallipoli: la Città Bella del Salento

da | Mag 11, 2017

Home » Località » Gallipoli: la Città Bella del Salento

Gallipoli è una bellissima città del Salento, sul mare Ionio. Spiagge di sabbia finissima e monumenti veramente affascinanti per il vissuto e le storie che hanno da raccontare.
Due sono le anime di questa città, definita nel corso dei secoli “Città Bella” e ritratta da artisti famosi come Philipp Hackert nel suo celebre dipinto “Il porto di Gallipoli”: l’anima moderna dei palazzi e dei negozi di Corso Roma e quella antica del castello, dei palazzi e delle chiese in pietra leccese del centro storico e dei bastioni.

SOMMARIO

GALLIPOLI: DOVE SI TROVA E COME RAGGIUNGERLA

Potete raggiungere Gallipoli con estrema facilità:

  • in aereo fino a Brindisi (dista circa 80 km da Gallipoli): atterrando all’aeroporto di Brindisi Papola Casale (dista a circa 80 km ma la strada è abbastanza scorrevole) e muovendosi da lì in auto (affittandone una dai vari operatori presenti sul territorio) oppure raggiungendo in autobus la stazione ferroviaria di Lecce e prendere un treno della linea Ferrovie Sud-Est
  • in aereo fino a Bari(dista circa 80 km da Gallipoli): atterrando all’aeroporto di Bari Karol Wojtyla (dista a circa 200 km ma la strada è abbastanza scorrevole) e muovendosi da lì in auto (affittandone una dai vari operatori presenti sul territorio e vedendo il percorso al punto successivo) oppure raggiungendo in autobus la stazione ferroviaria di Bari e prendere un treno Bari-Lecce e una volta giunti a Lecce, prendere un treno regionale della linea Ferrovie Sud-Est o un autobus per Gallipoli
  • in auto dal nord/centro Italia: percorrere l’austrostrada A14 o A16 fino a Bari Nord, prendere l’uscita Brindisi-Lecce percorrendola tutta. Poco prima di fare il vostro ingresso nella città di Lecce, prendere lo svincolo tangenziale Ovest per Gallipoli. Dopo circa 30 Km troverete diverse svincoli per Gallipoli: Rivabella/Lidoconchiglie, Porto, Sannicola, Alezio/Ospedale, Lido San Giovanni, Baia Verde.
  • in auto dal sud Italia (Calabria e Sicilia): prendere la SS 16 per Taranto, giunti in città, continuare la vostra marcia verso Brindisi percorrendo la SS 7. Continuare verso Lecce e seguire le indicazioni come espresse qui sopra;
  • in autobus da tutta Italia: vi suggeriamo diverse linee con cui viaggiare in pullman GT. Ecco le diverse compagnie: dal Centro Italia con le autolinee Traim o Marozzi; dal nord Italia con le autolinee Marino; da Sicilia e Calabria con le autolinee Scoppio.

IL COMUNE DI GALLIPOLI: SECOLI DI STORIA RACCONTATI RAPIDAMENTE

Il comune di Gallipoli oggigiorno è diventato meta e polo attrattivo per moltissimi turisti italiani e stranieri che decidono di trascorrere le vacanze in Salento.
Così come al giorno d’oggi, nel passato Gallipoli e il suo porto, hanno visto transitare uomini, navi e merci provenienti da ogni parte d’Europa.
Gli abitanti di Gallipoli hanno visto, nel corso dei secoli, il dominio e l’avvicendarsi di popolazioni ed etnie differenti.
Gallipoli, la “Città Bella” dal greco Kallípolis, nasce come porto messapico intorno al 1000 a.C. e durante l’epoca della Magna Grecia ha il controllo di un vasto territorio.
Nel 265 a.C. dopo la sconfitta contro Roma divenne colonia romana prima di diventare un municipium. Durante il Medioevo venne saccheggiata selvaggiamente dai goti e dai vandali fino ad essere riconquistata dai Bizantini. Questi ultimi la ricostruirono e la riportarono ad un magnifico splendore.
Successivamente Gallipoli e il suo territorio passarono di mano in mano: dall’ XI secolo in poi si sono susseguiti i Normanni, gli Angioini, i Veneziani, gli Spagnoli fino a diventare terra del Regno di Napoli con i Borboni.
Ferdinando I avviò la ricostruzione del porto rendendo Gallipoli e il suo scalo portuario, centro di scambio di merci e importante snodo di commercio e traffico marittimo.
In terra gallipolina, gli abitanti di Gallipoli trafficavano olio lampante, tabacco e sapone con tutto il resto d’Europa rendendo così questa città come un vero e proprio emporio.
Si narra che quello che noi oggi conosciamo come Sapone di Marsiglia, sia invece nato a Gallipoli.
Bartolomeo Ravenna nelle sue “Memorie storiche della città di Gallipoli” del 1836 narra che i numerosi abitanti di Gallipoli che lavoravano nelle piccole saponiere vennero prelevati per essere portati a Marsiglia, Napoli, Livorno e Genova.
Recentemente una piccola ed antica saponiera è stata scoperta nei pressi del ristorante “Scoglio delle sirene”.

LO STEMMA DI GALLIPOLI: UN FIERO GALLO CORONATO

Gli abitanti di Gallipoli sono fieri, orgogliosi di appartenere ad una città così bella e importante.
Lo stemma del Comune di Gallipoli, ricalca questa fierezza attraverso la sua rappresentazione grafica: un gallo coronato con la legenda latina Fideliter excubat, ovvero sorveglia fedelmente.
Secondo un’antica leggenda, il fiero pennuto avrebbe fregiato lo scudo di Idomeneo, l’eroe cretese che combatté a Troia e che, come tanti reduci da quella sanguinosa battaglia, una volta rientrato in patria, si trovò sostituito sul trono e negli affetti.
Da qui l’amara decisione, rimettersi in mare, solcare il Mar Mediterraneo come Ulisse e approdare in Salento, assieme ai suoi più fidi servitori. Una volta giunto qui, in questa magnifica terra baciata dal sole, fondò Lecce e Gallipoli.

GALLIPOLI AL GIORNO D’OGGI: META TURISTICA ITALIANA ED INTERNAZIONALE

Nel corso degli ultimi anni Gallipoli è stata presa d’assalto dai numerosi turisti italiani e stranieri. Il boom turistico è stato esponenziale e questa città del Salento ha risposto egregiamente a tutte le prenotazioni turistiche.
Infatti, la parola “Gallipoli” è la parola più ricercata su Trip Advisor e, in base ai flussi turistici degli ultimi anni, anche quest’anno la Città Bella sarà presa di mira dai turisti di tutto il mondo.

LA MAPPA DI GALLIPOLI: CITTÀ BELLA SULLO IONIO

La Città Bella è una piccola bomboniera: cosa vedere a Gallipoli

La “Città Bella” è ricca di monumenti di interesse storico. Vi suggeriamo cosa vedere a Gallipoli per darvi la possibilità di non perdere l’occasione di godere del suo fantastico patrimonio artistico.

La fontana ellenistica: dalle terme romane alla chiesa di San Nicola

La fontana Ellenistica è un monumento simbolo di Gallipoli: sorta accanto alle terme romane, fu successivamente traslata (1548) accanto alla chiesa di San Nicola del Porto, per poi essere ricollocata dove attualmente si vede, ovvero accanto al ponte che collega la città vecchia con la nuova.
Diverse le diatribe riguardo l’origine e la costruzione di questo bellissimo monumento: da un lato, alcuni scrittori assegnano l’origine di questo monumento all’età romana mentre, recenti studi, attestano la data di questa bellissima fontana all’età umanistica-rinascimentale (XVI secolo).
Su una delle facciate, su cui sono illustrate scene mitologiche corredate da versetti di Ausonio, è stato collocato un timpano barocco con lo stemma di Filippo II (re di Spagna) e, ai suoi lati, lo stemma del comune di Gallipoli.
Sull’altra facciata, realizzata nel 1765 per sostenere l’intera fontana, fu posizionato un abbeveratoio per gli animali e le insegne di Carlo III di Borbone, re di Napoli.

Chiesa di Santa Cristina: a pochi passi dalla fontana ellenistica

A pochi metri dalla Fontana Ellenistica si trova la chiesa di Santa Cristina, in direzione castello.
Un piccolo splendore realizzato nel tardo ‘500. Disadorna, si dota di un unico altare su cui è collocata la statua di cartapesta di Santa Cristina. Poco distante, in prossimità del Mar Piccolo di Gallipoli, troverete la chiesa di Santa Maria del Canneto

Chiesa di Santa Maria del Canneto: un piccolo santuario, sorto in un luogo di pescatori

In prossimità del Mar Piccolo di Gallipoli, sorge la chiesa di Santa Maria del Canneto.
La chiesa, in base ad un’antica leggenda, sarebbe sorta in un luogo palustre, ove crescevano numerose canne, in cui i pescatori avrebbero trovato un’antica icona della Vergine Maria.
Fu così costruita in suo onore la chiesa, con conci di carparo. La sua pianta è rettangolare a tre navate, con la navata centrale più alta rispetto alle altre due.
Molto ricca è la decorazione delle strutture architettoniche, ove appaiono motivi floreali e fregi. Si presenta come una piccola chiesa in stile barocco: al suo interno troverete una raffigurazione della Vergine del Canneto, una tela di Santa Cristina, un busto di S. Nicola e statue di cartapesta di diversi santi: Sant’Antonio da Padova, Santa Rita.

Il castello di Gallipoli: maestoso e imponente, domina il mare

Dalla fontana ellenica, dal “canneto”, si scorge la possenza del Castello di Gallipoli.
La struttura incorpora già precedenti fortificazioni di epoca romana, bizantina e normanna ed infine angioina.
Fortezza a forma quadrilatera, è quasi tutta circondata dal mare: quattro torri dominano i suoi angoli e, nel passato, era interamente circondato dal mare e separato dall’isola dove oggi c’è Gallipoli Vecchia (Gaddhripuli).
Il fossato è stato interamente coperto e oggi, su di esso, potete vedere il mercato coperto.
Nel corso dei secoli il castello ha subito diverse ristrutturazioni e ammodernamenti: l’intervento più significativo è stato l’ammodernamento da parte dell’architetto senese Giorgio Martini il quale, tra la fine del ‘400 e i primi anni del ‘500, progettò i torrioni circolari e fece separare il castello dalla città con profondissimi fossati.
Nel corso dei secoli passati alcuni torrioni sono stati adibiti a casamatta e, divenuto demanio pubblico nel 1879, il castello fu utilizzato per pubblici uffici. Oggi è in parte visitabile e ne vale veramente la pena conoscere i suoi angoli, le sue storie e le bellezze architettoniche che racchiude a sé, affidandosi ad una nostra guida gallipolina.

Il Museo Diocesano: un patrimonio incredibile di opere d’arte sacra

L’ex seminario diocesano, non più in uso dalla fine degli anni 70 del secolo scorso, su iniziativa della diocesi di Nardò Gallipoli, con l’intervento della CEI, dell’Unione Europea e della Regione Puglia, oggi è diventato un museo diocesano.
Il museo nasce con una finalità ben precisa: far scoprire ai visitatori, le radici cristiane della terra del Salento.
Lo stabile del 1700, stile barocco, consta di quattro piani:

  1. piano terra: i locali utilizzati in passato come cucina, oggi sono adibiti a bookshop e biglietteria;
  2. primo piano: troverete un’antica cappella, reliquiari e le sculture d’argento di San Sebastiano e santa Cristina, i protettori della città;
  3. secondo piano: nei diversi spazi espositivi sono presenti gli arredi sacri e liturgici come il Tronetto Eucaristico di Francesco Avellino (del 1733) e il baldacchino;
  4. terzo piano: è l’ultimo piano, panoramico perché diverse terrazze vi permetteranno di guardare Gallipoli dall’alto.

La cattedrale di Sant’Agata Vergine e Martire catanese

All’interno di Gallipoli Vecchia, subito dopo il Museo Diocesano, si trova la Cattedrale di Sant’Agata, la Vergine e Martire catanese.
Una cattedrale così bella da rimanere a bocca aperta. Ricca di dipinti dall’elevato interesse storico.
Il prospetto, completato nel 1629, è in carparo (una tipica pietra salentina) ed è suddiviso in due ordini: il primo è un lesene di ordine dorico che racchiude le porte per l’accesso alle navate e le statue dei santi protettori: Agata, Fausto e Sebastiano. Il secondo ordine, costruito su suggerimenti dello Zimbalo, racchiude nelle nicche le statue e i busti di Santa Marina, Santa Teresa d’Avila, Sant’Agostino e San Giovanni Crisostomo.
Al suo interno la pittura l’indiscussa protagonista.
Pianta a croce latina, spazi suddivisi da 12 colonne doriche che creano 12 piccoli altari barocco dedicati a:

  • Sant’Isidoro
  • San Francesco di Paola
  • Epifania o Adorazione dei Magi
  • Madonna della Grazie
  • San Sebastiano
  • Sant’Agata
  • 

Immacolata Concezione

  • Anime del Purgatorio
  • l’Assunta
  • Incoronazione di Maria
  • nel transetto:

  • Madonna del Soccorso
  • Santissimo Sacramento

Chiesa della Purità: maioliche di straordinaria bellezza e soffitto affrescato

Tipico esempio di barocco gallipolino, la chiesa della Purità (del 1600) fu eretta per ospitare la Confraternita degli Scaricatori di Porto e fu dedicata interamente a Santa Cristina, la protettrice di Gallipoli, che si festeggia dal 24 al 26 luglio di ogni anno.
Il prospetto della chiesa ha uno stile semplice, con due ingressi e due finestre simmetriche. Tre maioliche adornano la chiesa: al centro la SS. Vergine col Bambino e, ai lati, San Giuseppe e San Francesco d’Assisi.
Se l’esterno si presenta come lineare e minimalista, l’interno, invece, è ricco di opere lignee, tele, fregi e decorazioni: un vero e proprio trionfo del barocco.
Il pavimento è maiolicato mentre il soffitto è affrescato. Diverse le scene ritratte dal Vecchio Testamento e dai Vangeli.

Chiesa di San Francesco: la più antica del centro storico

Questa chiesa è la più antica del centro storico: al suo interno due importanti statue lignee del Vespasiano, raffiguranti i due ladroni, posizionate a destra dell’ingresso, nella Cappella degli Spagnoli o Cappella del Crocefisso.
Gabriele D’Annunzio rimase colpito dall’orrida bellezza del ladrone cattivo (Malladrone).
Una leggenda narra che questa chiesa fu voluta da San Francesco, quando approdò a Gallipoli dal ritorno dalla Terra Santa.

Chiesa di San Domenico o chiesa del Rosario

Eretta su un tempio medioevale di monaci basiliani nel 1517, il prospetto della chiesa di San Domenico si presenta come leggermente convesso, interamente realizzato in carparo.
Il portale è in stile barocco e sul prospetto sono presenti quattro nicche.
Qui risiede la Confraternita del Rosario, fondata dai sarti gallipolini.
Vi consigliamo di ammirare il dipinto della Vergine con San Domenico, presente sull’altare principale. Le due nicche laterali rispetto all’altare, ospitano le statue di San Michele e di San Tommaso e, sulle pareti interne della chiesa, rimarrete estasiati per i dipinti sulla vita di San Giuseppe.

Vi consigliamo di passeggiare per la città vecchia con il naso all’insù: solo così potrete scoprire i balconi, le terrazze e i bellissimi scorci di questa città.

Gallipoli spiagge e lidi attrezzati: come godere il mare e rilassarsi, da Nord a Sud

Gallipoli, oltre a possedere un patrimonio artistico unico e speciale, è ricca di spiagge e lidi attrezzati in grado di rispondere a tutte le esigenze dei turisti.
Visto il grandissimo successo ottenuto dalla “Città Bellaù” dal punto di vista turistico,
lo scorso anno, è sorta una simpatica “polemica” con Rimini, sulla qualità dei servizi turistici offerti nella città gallipolina e in Salento; è nato un vero e proprio tam tam mediatico a colpi di hashtag #machenesannoarimini e #machenesannoagallipoli, conclusosi a piadine e friselle (se non sapete cosa sia una frisella, tipica pietanza salentina, cliccate qui).
Detto questo, rivalità a parte, le spiagge di Gallipoli sono spettacolari: la sabbia è finissima e i lidi sono talmente estesi da poter contenere tutti.

Diverse sono le zone balneari da tenere in considerazione.

A NORD DI GALLIPOLI: LIDO CONCHIGLIE

A nord di Gallipoli, tra il Parco di Porto Selvaggio e Santa Maria al Bagno, si trova Lido Conchiglie, appartenente a Sannicola e Gallipoli.
Le spiagge si presentano per metà rocciose e per metà sabbiose.
Sono l’ideale per chi vuole usufruire del mare, in pieno relax lontano dal caos e dalla chiassosa movida ferragostana di Gallipoli.

Stabilimento Lido Le Canne: un lido full optional per chi vuole lasciare a casa lo stress

Lo stabilimento Le Canne si presenta come un lido full optional. Potrete godere in tranquillità il mare e dimenticare tutto ciò che mina la vostra tranquillità.
Ampio parcheggio coperto, edicola e tabaccheria, servizio bar e ristorazione, lounge bar per i più esigenti e ottimo ristorante tipico salentino.

Punto Fisso Beach: il vostro riferimento per il mare a Lido Conchiglie

In località Padula Bianca, tra lido Conchiglie e Rivabella, Punto Fisso Beach può diventare il vostro riferimento per godere il mare lontano da caos, schiamazzi e musica ad alto volume.
Il lido è talmente confortevole che potrete organizzare anche il vostro matrimonio on the beach, grazie all’esclusivo servizio wedding.

Campo delle bandiere: oasi caraibica a Lido Conchiglie

Campo delle Bandiere è un lido semplice e ben curato a conduzione familiare.
Numerosi i servizi offerti alla clientela: un comodo parcheggio alberato ombreggiato, servizio docce, servizio ristorazione, area break e servizio bar.

Rivabella: un piccolo fiore all’occhiello a nord di Gallipoli

Sempre a nord di Gallipoli, tra Lido Conchiglie e la Città Bella, si trova Rivabella.
Il nome è tutto un programma: spiagge ben frequentate, silenzio e relax saranno padroni della vostra vacanza.

Il lido Rivabella è l’indiscusso punto di riferimento per le giornate di mare della vostra famiglia

La spiaggia è ben organizzata ed è ottimo il servizio di ristorazione. L’ambiente è adatto a famiglie e a chi ama il relax e la tranquillità.

Holiday Beach: lido glamour per chi ama fare sport

Holiday Beach è un lido molto ben organizzato. Per poterlo raggiungere dovrete attraversare la pineta e lo spettacolo che vi si parerà davanti agli occhi sarà incredibile: un ampia terrazza sul mare.
Ottimo servizio di ristorazione, lettini e ombrelloni ben distanziati e, per chi vuole fare sport, campi di beach volley.

Nel cuore di Gallipoli Vecchia la piccola spiaggia della Purità

Nel cuore della vecchia Gallipoli, troverete una piccola spiaggia, la spiaggia della Purità.
Si trova nei pressi del vecchio molo ed è molto piccola e caratteristica; è l’unica spiaggia libera nel cuore di Gallipoli. Vi consigliamo di andare lì e sistemare il vostro asciugamano molto presto al mattino perché, essendo una spiaggia libera, è molto affollata perché questo piccolo arenile è il punto di riferimento dei veri gallipolini.

BAIA VERDE: SPIAGGE E LIDI ATTREZZATI, DIVERTIMENTO NOTTURNO IN ZONA

Tre km di spiaggia finissima con dune e lidi attrezzati, racchiusa tra lo stadio di Gallipoli e la riserva naturale del Pizzo: questa è Baia Verde.
Se amate il relax nei mesi di luglio e agosto, vi sconsigliamo di sostare a Baia Verde e vi suggeriamo di venire qui nel periodo maggio-giugno e settembre-novembre, in bassa stagione perché, in piena estate, questa zona balneare, viene presa d’assalto e i lidi si trasformano in vere e proprie discoteche h24 a cielo aperto.
Vi diamo un elenco dei lidi e delle spiagge attrezzate presso cui sostare, se amate la movida e il caos:

  • Zen;
  • Zeus;
  • Piccolo Lido
  • Lido San Giovanni
  • Spiaggia Club
  • Blue Bay Beach
  • Lido Pôr do Sol
  • Lido Baia Verde (ex Kudetà)
  • bikini beach
  • La Playa
  • Zen
  • Banzay
  • Helios
  • Zeus
  • Samsara
  • Lido Sottovento
  • Eté by Rio Bo Delicious Beach

Zen e Samsara: i due lidi più famosi per l’intrattenimento

Tra questi i più rinomati sono il lido Zen e il Samsara per quel che riguarda movida, musica e divertimento.
Non dobbiamo dimenticare che il Samsara ha aperto recentemente due altri lidi: uno in Italia, a Riccione, sulla riviera romagnola e l’altro in Montenegro a Budva.
Dal Samsara di Gallipoli, è stato lanciato il cantante Sergio Sylvestre,vocalyst per il lido gallipolino, vincitore di “Amici di Maria De Filippi” nella precedente edizione.

Punta del Pizzo: il vero relax in riva al mare

Questa è la zona più bella di Gallipoli per godersi il mare.
Siamo nel Parco naturale regionale Isola di Sant’Andrea e litorale di Punta Pizzo e parliamo di luoghi eccezionali per la natura che avrete l’occasione di vedere.
Il profumo delle pinete e della macchia mediterranea scandirà i vostri tramonti in spiaggia. La vista sarà incredibile, credeteci.
I lidi qui presenti sono super organizzati e garantiscono la privacy degli ospiti più esigenti.

Lido Pizzo: rinomato ed esclusivo

L’arenile è finissimo e questo forse è il lido più esclusivo dell’intera zona.
Ottimo servizio di ristorazione e pochi ombrelloni: vi consigliamo di prenotare per tempo.

Punta della suina: ottimo servizio di ristorazione, anche se un po’ caro

Un semplice sottofondo chillout accompagnerà le vostre giornate in spiaggia.
Ampia area ristorazione e numerosi lettini e ombrelloni. Vi consigliamo di prenotare per tempo.
Per poter raggiungere questo posto magnifico, dovrete attraversare la pineta. Ampio parcheggio antistante la struttura.

G Beach: lido curatissimo nei dettagli e molto esclusivo

Posto molto curato, è uno dei lidi più esclusivi di Gallipoli. Numerosi eventi e feste con djset dal sapore internazionale.

Dove mangiare a Gallipoli: ecco i nostri consigli

A Gallipoli si mangia veramente molto bene. Se sperate di evitare il caos, potete provare a recarvi fuori città ma vi consigliamo sempre di prenotare.

Pesce fresco in pescheria: pescheria La Lampara

In prossimità del parcheggio del porto, troverete diverse pescherie che vi danno la possibilità di degustare dell’ottimo pesce fresco direttamente in pescheria.
Noi abbiamo provato la Pescheria La Lampara e siamo rimasti positivamente colpiti dalla cortesia del personale, dalla simpatia del proprietario e dalla bontà del pesce fresco.
Tartare di tonno e di spada eccezionali e i famosissimi gamberoni di Gallipoli.
Questa pescheria accontenta tutti: chi ama il crudo e chi ama queste pietanze buonissime alla griglia.
Vi consigliamo un assaggio di frutti di mare crudi, giusto per assaporare il vero sapore del mare di Gallipoli.

La puritate: ristorante tradizionale

Il posto è elegante, il servizio impeccabile. Siamo nel cuore di Gallipoli Vecchia. Ottima carta dei vini e le pietanze servite sono create con ingredienti freschissimi.
Il prezzo medio è un po’ elevato ma ne vale veramente la pena perché potrete provare degli ottimi piatti di pesce.

La Giudecca: un moderno ristorante di pesce

L’arredamento è moderno, le sedute sono molto comode. Le luci illuminaneranno il giusto le vostre cene romantiche o le vostre degustazioni di pesce fresco con amici.
Ottimo menu, vi consigliamo di prenotare.

Trattoria da Olga: tipica trattoria salentina di pesce

Arredamento spartano, saletta rustica con le volte a stella.
Vi consigliamo di assaggiare le famosissime “Pennette alla Olga” con misto di pesce e pane grattugiato.
Parola d’ordine: prenotare.

HOTEL, STRUTTURE RICETTIVE E MASSERIE: DOVE DORMIRE A GALLIPOLI

Gallipoli accoglie moltissimi visitatori e, per far fronte a questa domanda, nel corso degli anni, sono sorte nella Città Bella più di 800 strutture ricettive, adatte per ogni tipo di spesa: dalle case in affitto, agli affittacamere, dai B&B fino ad arrivare ad Hotel, Resort con Spa e masserie di lusso.
Ve ne indichiamo soltanto alcuni, quelli che abbiamo testato personalmente.
Detto questo, vi invitiamo comunque a prenotare per tempo nelle strutture che più fanno al caso vostro.

Masseria Carignani: la vostra oasi di pace a pochi passi da Gallipoli

Passi è come se fosse un eufemismo. La masseria Carignani si trova a Tuglie, a pochi km da Gallipoli, nell’entroterra salentino.
Vi consigliamo vivamente di fare una prova e prenotare in questo posto a dir poco fantastico. Sembrerà di fare un salto nel passato e vivere le atmosfere contadine del secolo scorso, in una chiave decisamente più confortevole. Due possibilità: camere dotate di tutti i comfort oppure appartamenti interi al piano terra.
Al vostro risveglio, una buonissima colazione vi darà lo slancio necessario per affrontare una lunga giornata di mare.

HOTEL MASSERIA LI SAULI: NATURA A POCHI PASSI DAL MARE

Soggiornare nella masseria Li Sauli significa stare a pochissime centinaia di metri dalla Punta della Suina, nel cuore della riserva naturale, su uno dei punti di mare più belli di Gallipoli.
La struttura è grande, offre ai propri ospiti la possibilità di fare un bel bagno in piscina quando il mare e il tempo non lo permettono.
Oltre ad offrire un’ottima e ricca colazione continentale a buffet, all’interno della struttura troverete un buon ristorante di prodotti tipici salentini. Vi consigliamo di dare un’occhiata al menu e provare i sapori della nostra terra. 2 camere padronali e 34 camere standard arredate con cura chiudono la splendida offerta che questa masseria vi può dare.

PALAZZO ZACHEO: NEL CUORE DI GALLIPOLI VECCHIA, A DUE PASSI DA TUTTO

4 appartamenti e 4 camere a soli 300 metri dalla spiaggia della Purità. Ogni alloggio ha nomi di venti, evocativi certamente perché il Salento è terra di sole, mare e vento.
Una struttura di grande charme e grande fascino per la vostra vacanza a Gallipoli. La posizione favorevole di questa struttura vi permetterà di godere appieno la vostra vacanza nel Salento.

RELAIS CORTE PALMIERI & IL CHIOSTRO – RESIDENZA D’EPOCA

Splendida struttura del 1700 adibita a relais, Corte Palmieri si trova nel cuore del centro storico di Gallipoli a pochi passi dalla cattedrale e dalla spiaggia della Purità.
Le camere (standard, superior e doppia deluxe) offrono tutti i comfort possibili e tra i servizi offerti alla clientela, rientra anche lo yacht renting giornaliero con equipaggio.
Avrete la possibilità di godere di una vista incantevole, durante il vostro continental breakfast, sulla terrazza panoramica dell’hotel.

Il meteo a Gallipoli: muoversi in anticipo per evitare sorprese durante la vostra vacanza

Le immagini più belle di Gallipoli

ARTICOLI SU GALLIPOLI

Pin It on Pinterest

Share This